Quando conviene un sistema di accumulo per impianti fotovoltaici
4295
post-template-default,single,single-post,postid-4295,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Quando conviene il sistema di accumulo per impianti fotovoltaici [analisi e simulatori]

convenienza fotovoltaico-con-accumulo

Quando conviene il sistema di accumulo per impianti fotovoltaici [analisi e simulatori]

Confrontiamo la convenienza di un impianto fotovoltaico con un sistema di accumulo (o batterie di accumulo) per un impianto fotovoltaico esistente a prezzi 2017.

Fotovoltaico semplice

Consideriamo un impianto fotovoltaico residenziale da 6 kW nel Nord Italia. Il prezzo chiavi in mano è di Euro 11.500,00 (Iva inclusa), incluse pratiche Enel / GSE. Per semplicità di calcolo il beneficio fiscale della detrazione del 50% in 10 anni è attualizzato in misura lineare.

Ipotizziamo una quota di autoconsumo è del 35% – valore in linea con le statistiche degli impianti realizzati da Solar Farm e con le informazioni disponibili da fonti accreditate [vedi riferimenti in calce].

break-even-fv-6kw-2017-02La simulazione dimostra un ritorno economico dell’investimento in 5 anni.

Finanziariamente  equivale ad una polizza riscattabile a 10 anni (periodo della detrazione) con una cedola fissa del 20%.

E’ evidente che non esistono investimenti finanziari equivalenti per rischio/rendimento.

Nel caso il cliente non possa beneficiare della detrazione il rendimento si dimezza, ma il confronto con alternative finanziarie rimane a largo favore del fotovoltaico.

 

 

Sistema di accumulo

Consideriamo un impianto fotovoltaico esistente di 6 kW ed un sistema di accumulo da 6 kWh (es. Tesla Powerwall 1 oppure LG Chem RESU 7H). Il sistema è fornito chiavi in mano, servizi inclusi, ad un prezzo di Euro 9.200,00 (Iva inclusa).

La quota di autoconsumo iniziale è del 35%. La quota di autoconsumo con il sistema di accumulo sale al 75% – valore in linea con le nostre statistiche e le notizie disponibili.

break-even-retrofit-accumulo-blog-2017-02

La simulazione mostra un ritorno dell’investimento in 11 anni.

Finanziariamente  equivale ad una polizza con riscatto a 11 anni (tempo di ritorno) con una cedola fissa del 9%.

Pur se in misura inferiore al fotovoltaico semplice, il rendimento supera qualunque investimento finanziario di pari profilo rischio/rendimento.

 

 

Fotovoltaico per aziende

break-even-fv-20kw-azienda-2017-02Per un’azienda consideriamo un impianto da 20 kW con un prezzo chiavi in mano è pari a Euro 30.000,00 (Iva esclusa).

La produzione media annua è 24.000 kWh, che corrisponde ad una spesa di circa 5.300 Euro l’anno (Iva esclusa) nel caso di acquisto dalla rete.

La detrazione fiscale non si applica, tuttavia l’investimento è ammortizzabile in 11 anni al 9% annuo. Dal punto di vista matematico è equiparabile ad una detrazione fiscale del 33% (IRES + IRAP) – artificio usato nel nostro modello semplificato.

La simulazione propone un ritorno dell’investimento in 6 anni. Il calcolo non considera l’effetto del “superammortamento” per i beni di investimento, cioè la possibilità di ammortizzare il primo anno il 130% [ridotto rispetto al 140% del 2017] della quota annuale di ammortamento.

Considerando il superammortamento il tempo di rientro risulta inferiore a 4 anni.

Contatti:

Contattaci per informazioni o per un preventivo gratuito » qui

Riferimenti:

Trovate » qui e » qui le tabelle [apre pdf] con i calcoli e » qui il foglio di calcolo per simulazioni di convenineza [apre xls].

Cercando sul web “convenienza fotovoltaico” escono decine di riferimenti. Tra quelli con maggior credito riportiamo:

Segnaliamo che entrambe gli articoli effettuano calcoli economici a prezzi 2014, superiori di circa il 20% rispetto ai prezzi attuali (02/2017). La convenienza effettiva, a prezzi 2017, è quindi decisamente superiore.

No Comments

Post A Comment