fbpx
Panoramica stazioni di ricarica auto elettrica per privati | Solar Farm
Installazione impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo a Parma. Fotovoltaico, pannelli solari, batterie, sistemi di accumulo.
fotovoltaico,pannelli solari,Parma,installatori fotovoltaico,batterie,accumulatori,sistemi di accumulo
5338
post-template-default,single,single-post,postid-5338,single-format-standard,bridge-core-1.0.6,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-18.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

Panoramica stazioni di ricarica auto elettrica per privati

stazione-ricarica-auto-elettrica-privati

Panoramica stazioni di ricarica auto elettrica per privati

L’Italia è tra i Paesi con il maggior numero di stazioni di ricarica per auto elettrica pubbliche –oltre 8.000– in continua crescita grazie agli investimenti di operatori semi-pubblici (EnelX, Hera, A2A e altre utilities) e privati (centri commerciali).

Tuttavia la modalità di ricarica principale è presso la propria abitazione, sia per comodità che per la forte riduzione del prezzo di ricarica —soprattutto per i proprietari di impianti fotovoltaici.

 

Iniziamo con un confronto prezzi tra rete elettrica e autoproduzione:

 

Confronto prezzi di ricarica

Consideriamo due modalità di ricarica casalinga: prelievo dalla rete e prelievo diretto dal fotovoltaico; le tariffe sono:

  • tariffa energia [utenza residenziale con 6 kW]: 0,28 €/kW]
  • tariffa con energia 100% fotovoltaico: 0,12 €/kWh [non un costo, ma un mancato ricavo da scambio sul posto].

Se consideriamo un mix 65% di ricarica da rete e 35% da fotovoltaico (es. nei week-end o pause pranzo), la tariffa media è: 0,22 €/kWh.

Per confronto, la tariffa a consumo applicata da EnelX è: 0,45 €/kWh, quindi circa il doppio del costo casalingo.

Per un calcolo della spesa annuale consideriamo 15.000 km annui per un consumo di 15 kWh / 100 km, pari a 2.250 kWh/anno.

Con ricarica pubblica si ha un costo annuale di 1.012 Euro, con ricarica casalinga un costo di 495 Euro.

 

Vediamo quali sono i prodotti principali disponibili:

 

Panoramica stazioni di ricarica [non esaustiva]

Le stazioni di ricarica residenziali si distinguono per l’assenza di sistemi di autenticazione e controllo/contabilizzazione della ricarica. Possono essere montati anche presso alberghi, B&B, parcheggi condominiali nei casi in cui la ricarica sia a carico del proprietario o si sotto un contatore condominiale.

 

Stazioni ricarica a potenza fissa

Le stazioni hanno potenza fissa (o regolabile ad un livello determinato) da 3,5 kW (cioè 16 A) oppure da 7 kW (32 A) con tensione monofase (230 V) —che copre la maggior parte delle applicazioni residenziali in Italia.

3,5 kW è il livello di potenza più indicato per evitare distacchi dal contatore e ridurre il costo della quota potenza in bolletta, considerato che nella maggior parte dei casi l’auto non si ricarica quasi mai da zero.

I produttori più attivi sono: Abb (wall-box 11-22 kW), E-station, Mennekes, Scame, Viessmann, Webasto.

Mennekes e Scame sono anche produttori di prese adottate come standard di mercato.

I prezzi di fornitura variano da circa 800 Euro a 1.500 Euro a seconda delle funzionalità [principalmente nel controllo della ricarica e nel monitoraggio da remoto].

Quasi tutte le stazioni sono dotate di protezione differenziale lato AC da 30 mA, mentre solo alcune della protezione DC da 6 mA obbligatoria dall’anno 2020.

 

Stazioni ricarica a potenza variabile

Le stazioni a ricarica variabile misurano la corrente in prelievo dalla rete e modulano la potenza di assorbimento della ricarica in modo da evitare distacchi del contatore e massimizzare l’autoconsumo dal fotovoltaico, se presente nell’impianto.

La misurazione è effettuata da pinze amperometriche intorno al cavo di fase.

I modelli principali sono prodotti da Scame e Zappi. I prezzi sono tra 1.300 Euro a 2.200 a seconda dei modelli.

Al prezzo di fornitura va aggiunta la linea cavo (10 mmq) dal quadro di casa alla stazione, l’interruttore magnetotermico in partenza dal quadro e il costo di installazione.

 

Approfondimenti e riferimenti

Dati rete ricarica EV in Italia – Il Sole 24Ore » qui

Report Smart Mobility Politecnico di Milano » qui

Prodotti proposti da Solar Farm » qui

No Comments

Post A Comment