Regole tecniche GSE per sistemi di accumulo energia
2137
post-template-default,single,single-post,postid-2137,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Regole tecniche GSE per sistemi di accumulo

GSE-logo

Regole tecniche GSE per sistemi di accumulo

[27-05-2016] Riportiamo una sintesi delle Regole Tecniche per sistemi di accumulo [scarica pdf], pubblicate dal GSE in data 08/04/2015 e disponibili sul portale GSE nella sezione “sistemi di accumulo“.

Il documento illustra, tra l’altro, le modalità di comunicazione al GSE dell’installazione di un sistema di accumulo, i tre tipi di configurazione (di cui abbiamo parlato qui), l’ammontare del contributo per le spese di istruttoria (€ 50,00 per impianti di potenza < 50kW).

I punti essenziali per le installazioni residenziali sono:

  • prima dei lavori va inviato via PEC al GSE (info@pec.gse.it) il modulo di inizio installazione [apre pdf];
  • entro 30 gg. dalla connessione del sistema di accumulo va inviato il modulo di fine installazione [apre pdf], sempre via PEC;
  • il testo dell’oggetto della PEC va riportato con cura secondo quanto indicato al punto 7.1 delle Regole Tecniche [vedi link ad inizio post] – p.es. in caso di impianto incentivato l’oggetto sarà: “FTV xxxxxx (n.ro convenzione) – INIZIO/FINE INSTALLAZIONE SISTEMA DI ACCUMULO”;
  • il calcolo dell’incentivo – per impianti incentivati – potrebbe variare (in misura poco apprezzabile dal cliente in realtà); nella sostanza il cambiamento riguarda principalmente gli impianti con tariffa omnicomprensiva (IV° e V° C.E.): la contabilizzazione dell’energia ceduta in rete potrebbe avvenire in un momento diverso dalla contabilizzazione nel contatore di produzione; da qui l’esigenza di valorizzare su base oraria le differenze tra energia prodotta e ceduta in rete con un nuovo algoritmo (per chi volesse approfondire è al punto 10.1 delle Regole Tecniche).

Nota: tutta la procedura è macchinosa, inefficente e costosa con un mix di moduli cartacei, firme, PEC e duplicato di dati già esistenti nei portali GSE, Enel e Terna. 

No Comments

Post A Comment